Ricerca tra la vecchia roba

Sicurezza nell’etere

Posted: luglio 19th, 2010 | Author: | Filed under: Hack, networking | 2 Comments »

Non so se qualcuno di voi è avvezzo al concetto di security through obscurity, cioé l’idea che se solo io conosco la combinazione di un certo sistema di sicurezza allora, indipendentemente dal sistema, sono al sicuro (come per esempio nascondere la chiave di riserva di casa sotto al tappetino dell’ingresso). Bene, per chi non fosse avvezzo sappia che è un sistema che si rivela abbastanza fatale, più che altro perché spesso viene venduto assieme a qualche tecnologia convincendo i people che si è al sicuro quando in realtà gente più furba può irrompere nella vostra tranquillità.

Un caso da manuale è la questione sollevata da questi studi al riguardo della randomness delle chiavi di default dei router Fastweb a Alice: in pratica semplicemente conoscendo il nome della rete di un router Fastweb (grazie a dio non di tutti i modelli) è possibile ricavare quale sia la password di default WPA (per un router Alice serve anche il seriale ma non cambia il discorso). Cosa vuol dire questo? che se avete uno di questi router allora può succedere che qualcuno vi si colleghi a vostra insaputa, oppure che qualcuno sniffi il traffico in attesa di qualche informazione di interesse (o magari vi si colleghi al router permettendo qualche bell’attacco). Tra l’altro, a proposito di sniffing, pare che un locale aperto di estate in zona da me abbia la reta wifi completamente aperta, con in chiaro anche la pagina di autenticazione, in 2 ore di pomeriggio il prode wireshark mi ha permesso di dumpare 200MB di traffico… non so se c’era più facebook o porno…

Che poi in realtà è un epoca difficile, tutti quelli che conosco e che spesso vivono da soli e con pochi soldi, si collegano spesso a reti aperte situate nei paraggi senza la minima preoccupazione per quanto riguarda la privacy (come è aperta per te è aperta per gli altri e quindi chiunque può vedere le sessioni di chat per esempio) , però a parte questo già da anni si ipotizza un attacco particolare in cui un attaccante malizioso impersona un access point (nella versione più malefica ne impersona uno di quelli che vengono ricercati da eventuali dispositivi che cercano la connessione) ed una volta collegata ridireziona tutti il traffico impersonando magari il vostro server di posta o le credenziali del servizio di chat a cui il vostro computer cerca di collegarsi in automatico: ecco a voi l’attacco KARMA(+Metasploit).

Come ultimo esempio di security by oscurity, pare che il protocollo crittografico di skype sia stato svelato, sarà vero?