Ricerca tra la vecchia roba

Scaricare sottotitoli da youtube

Posted: marzo 8th, 2010 | Author: | Filed under: google, Hack, Video | 12 Comments »

Non so se ve ne siete accorti, ma adesso youtube mette a disposizione anche alcuni video con sottotitoli annessi, sottotitoli che non sono "hardcodati" dentro il video, ma vengono aggiunti "sopra" il video dal player; per curiosità ho cercato se era possibile estrarli ed ho scoperto che sì, è possibile.

Un video su youtube è identificato da una certa sequenza di caratteri e numeri, passati alla variabile GET identificata con v (per capirci http://www.youtube.com/watch?v=jHoxZF3ZgTo ha jHoxZF3ZgTo come identificativo del video); una volta che si è a conoscenza dell’identificativo del video che ci interessa, chiamiamolo per semplicità $id, possiamo sapere quali sottotitoli sono disponibili per esso tramite la comoda URL

 http://video.google.com/timedtext?v=$id&type=list

Essa restituirà una pagina XML contenente la descrizione dei sottotitoli available, come per esempio

<transcript_list docid="-8324286654099914438">
  <track id="0" name="English" lang_code="en" lang_original="English" lang_translated="English" lang_default="true"/>
  <track id="2" name="French" lang_code="fr" lang_original="Français" lang_translated="French"/>
  <track id="3" name="Polish" lang_code="pl" lang_original="Polski" lang_translated="Polish"/>
  <track id="1" name="Spanish" lang_code="es" lang_original="Español" lang_translated="Spanish"/>
</transcript_list>

a questo punto si sceglie il name che più ci aggrada e lo si può scaricare in formato XML con questa URL

 http://video.google.com/timedtext?lang=$lang_code&v=jHoxZF3ZgTo&name=$name

dove bisogna sostituire opportunamente le $variabili  con i valori ottenuti dalla URL precedente. Attenzione che il formato non è direttamente usabile da un lettore, bisognerebbe trasformarlo in .srt (formato standard dei sottotitoli) e penso bastino poche righe di sed che se qualcunon avesse voglia di scrivere nei commenti, lo lascio come esercizio al lettore che ormai è tardi (per citare Vasco Rossi) altrimenti vi è un programma chiamato google2RST che può scaricare per voi e convertire i sottotitoli ma è un programma Java e secondo me è da folli quando basterebbe la shell. Good Hacking…


Come aggiungere un watermark ad un video

Posted: dicembre 8th, 2009 | Author: | Filed under: Bash, linux, Video | Commenti disabilitati su Come aggiungere un watermark ad un video

La potenzialità della linea di comando unix è altissima anche per le attività di tipo grafico, ovviamente quando queste possono essere automatizzate; mettiamo caso che si voglia aggiungere un proprio logo ad un filmato, proprio come avviene nei maggiori portali e di volerlo fare senza usare programmi con la gui, magari per avere la possibilità di automatizzare il processo. Read the rest of this entry »


100 di questi screencasts

Posted: novembre 21st, 2009 | Author: | Filed under: Life, Video | Commenti disabilitati su 100 di questi screencasts

Post breve per annunciare (con ritardo) che gli screencasts di heathenx sono arrivati a quota 100; per chi non lo conosce è un ottimo blog di screencasts relativi all’uso di inkscape, senza farsi mancare piccole delizie come per esempio nel centesimo dove usa anche blender (in 10 minuti è riuscito a spiegarmi cose sul suo utilizzo che in anni non ho mai capito).


5 anni di firefox

Posted: novembre 11th, 2009 | Author: | Filed under: networking, Video | Commenti disabilitati su 5 anni di firefox

Sono passati 5 anni da quando nel mondo del browser si è affacciato il panda rosso chiamato comunemente mozilla-firefox; l’interesse verso questo evento è più storico in quanto riporta alla mente la filogenesi di questo prodotto.

Attualmente  è sviluppata la versione 3.7 (che è una alfa) e come stabile si ha la 3.5.qualcosa che ha finalmente usato come standard il tag <video>; se risaliamo alla storia delle versioni firefox (3.0, 2.0, 1.5, 1.0)arriviamo al prodotto originale da cui si è originato tutto: il browser Netscape, ottimo esempio di browser sviluppato dalla omonima azienda, ispirò lo sviluppo di firefox (che in origine doveva chiamarsi phoenix, proprio per simboleggiare la rinascita di Netscape, ma per problemi di branding non poteva esserlo).

Risalendo indietro nella storia, la società che sviluppò Netscape fu fondata da uno degli sviluppatori di Camino, il primo web browser ad essere realmente diffuso, in quanto usato quando internet si sviluppò fuori dagli ambiti accademici, proprio quella internet che aveva usato come browser  WorldWideWeb, il primo browser in assoluto sviluppato da Tim Berners Lee, il creatore del web al CERN. A questo punto la storia finisce, a meno di voler tornare indietro fino alla guerra fredda…

Dopo tutto questo guardatevi il video.


Google wave

Posted: ottobre 18th, 2009 | Author: | Filed under: google, networking, Video | 3 Comments »

Mi sono visto il video di presentazione di google wave, un nuovo servizio/tecnologia messa a disposizione da bigG di cui avevo sentito parlare ultimamente ma che in tutta sincerità non avevo capito cosa fosse.

Se volete farvene un’idea c’è il video linkato sopra, è un po’ lunghetto (circa 1h20m), ma sarebbero da vedere almeno i primi 20 minuti per farsi una idea abbastanza chiara di cosa si tratta: in pratica è un servizio che permette di unire assieme chat, mailing list e wiki; il concetto che sta dietro il tutto è quello di wave, di flusso di "comunicazione": due o più partecipanti iniziano una wave che può essere modificata in toto dai suoi partecipanti (in questo senso è una wiki) oppure può essere discussa parte per parte come se fosse una mail. Il bello è che ogni modifica appare in real time mentre avviene (almeno questo viene mostrato nella presentazione).

L’idea secondo me spacca (yo), forse è eccessivamente potente per il popolo della rete, sembra più uno strumento per gente che sulla rete ci lavora (io spesso mi trovo in difficoltà a far capire/usare wiki, mailing list e cose simili per discutere di qualche progetto); la figata è che il protocollo è libero e quelli di google spingono affinchè ognuno crei il proprio servizo wave (loro lo chiamano federation). Vedremo. Ho fatto richiesta per avere un invito che spero alleghi la possibilità di invitare qualcuno così da provarlo.

Sempre in ambito della rete, se volete provare leultimissime versioni di firefox (e altra roba mozilla of course), esiste l’FTP con le night builds a questo indirizzo (non ho ancora ben capito come scaricare l’ultima versione).

Piccolo accorgimento: potete usare un profilo di test così da non smerdare la sessione che usate di solito (o magari crearvi dei profili personalizzati con le estensioni per lo sviluppo web solo quando usate il browser per programmare ;-))

$ cd /path/to/firefox/folder/
$ LD_LIBRARY_PATH=.  ./firefox-bin -no-remote -P test

Se non avete mai usato un profilo di nome test, si aprirà una dialog per impostarlo e potete partire con il vostro firefox.


Driver webcam gspcav2 su Debian con kernel > 2.6.27

Posted: giugno 24th, 2009 | Author: | Filed under: Hack, Video | Commenti disabilitati su Driver webcam gspcav2 su Debian con kernel > 2.6.27

Il mitico driver, della mia mitica webcam da 9.90€, è dalla versione 2.27 internamente al kernel e distruibuito come modulo, ma purtroppo non funziona subito in quanto le librerie di decoding dei formati dei frame restituiti dal device in esame sono state spostate in user space:

# apt-get install libv4l-0
# zless /usr/share/doc/libv4l-0/README.gz
[…]
FAQ

Q: Why libv4l, whats wrong with directly accessing v4l2 devices ?
[…]
With gspca being ported to v4l2 and thus decoding to normal formats being
removed from the device driver as this really belongs in userspace, ekiga
would need to be extended with many more often chip dependent formats, like
the bayer compression used by the spca561 and the (different) compression used
by the pac207 and the (again different) compression used by the sn9c102. Adding
support for all these formats should not be done at the application level, as
then it needs to be written for each application seperately. Licensing issues
with the decompressors will then also become a problem as just cut and pasting
from one application to another is bound to hit license incompatibilities.

So clearly this belongs in a library, and in a library with a license which
allows this code to be used from as many different applications as possible.
Hence libv4l was born.

Si dovrebbe lanciare un export LD_PRELOAD=/usr/lib/libv4l/v4l1compat.so e poi l’applicazione desiderata: per il mai tramontato mplayer

$ mplayer -fps 15 tv:// -tv driver=v4l2:device=/dev/video0

 Per far funzionare skype che magari parte in automatico nella vostra sessione gnome? tenetevi alla sedia: esiste .gnomerc che può eseguire come un .bashrc comandi da eseguire all’avvio della sessione; quindi

$ cat <<EOF > .gnomerc
> LD_PRELOAD=/usr/lib/libv4l/v4l1compat.so
> EOF

In realtà non so se funziona veramente :-P… adesso proverò


È nato skynet

Posted: maggio 16th, 2009 | Author: | Filed under: Hello world, Screencast, Video | Commenti disabilitati su È nato skynet

Guardare per credere…


Torrenti

Posted: aprile 5th, 2009 | Author: | Filed under: networking, Politica, Video | 2 Comments »

Provo per la prima volta ad inserire un video usando archive.org; questo è uno spezzone di uno spettacolo di George Carlin, un satiro americano che pare deceduto qualche anno fa, in cui parla dei diritti all’interno dei paesi. Se vi interessano gli spettacoli scaricateveli prendendo il torrent da questo sito ReRosso, ci sono altri comici e secondo me ne vale la pena.
Read the rest of this entry »


Roba sparsa

Posted: marzo 5th, 2009 | Author: | Filed under: Video | 1 Comment »

È meglio che tolga qualche tab da firefox che se no mi esplode la RAM

The crisis of credit visualized: video molto carino che spiega come è avvenuta la crisi attuale (sicuramente non rappresenta nella sua interezza i motivi della crisi attuale ma serve…)

Big brother state: un po’ vecchiotto come video ma interessante.

Another world: alzi la mano chi ci ha giocato negli anni ’90!!! io sull’amiga…sul sito c’è una demo che funziona con Wine…

Chi troppo vuole nulla stringe: oh gesù…

Gravity Experiment: Stuff attracts other stuff because it’s stuff. This is called the
gravity of stuff. What you see are the two metal things attracting two
other metal things because the metal stuff in them attracts them to
each other. This type of metal stuff is not attracted to a magnet, so
these are not magnets attracting metal stuff. This is just an example
of gravity between stuff. You can see it happen because the dudes that
set it up are smart, else you couldn’t see it happen.


Qualche filmato

Posted: gennaio 24th, 2009 | Author: | Filed under: Geometry, Politica, Video | 1 Comment »

Il bello della rete è si può trovare di tutto da vedere, anche in lingua originale (così anche da migliorare la propria comprensione dell’inglese o dell’aramaico nel caso); in questo caso vi consiglio la visione di

History of internet: un video (in inglese) dalla grafica accattivante in cui viene mostrato il significato, la storia e lo sviluppo della rete globale denominata internet (che non è solo l’http:// ricordatelo stolti) [via trivium].
Canone 1 a 2 di Bach su nastro di Moebius: viene mostrato visivamente quanto raccontato su GEB riguardo le costruzioni musicali di Bach.
Valzer con Bashir: film di animazione riguardante il conflitto libanese degli anni ’80 e la strage di Sabra e Shatila; mentre lo guardavo mi chiedevo come fa la gente a fare il soldato…no, questo non lo trovate sull’Ueb, ma esiste bittorrent ;-).

P.S: minchia 5 birre di seguito ti spaccano…