Ricerca tra la vecchia roba

Nella mia ora di libertà

Posted: gennaio 11th, 2009 | Author: | Filed under: Letture, Lyrics, Politica | Commenti disabilitati su Nella mia ora di libertà

È l’anniversario della morte di de Andrè e benché non sia propriamente il mio genere, le sue composizioni le considero vere e proprie poesie; qui di seguito il testo di una delle più significative (secondo me) canzoni dall’album "Storie di un impiegato": "Nella mia ora di libertà"

 Di respirare la stessa aria

di un secondino non mi va


perciò ho deciso di rinunciare


alla mia ora di libertà


se c’è qualcosa da spartire


tra un prigioniero e il suo piantone


che non sia l’aria di quel cortile


voglio soltanto che sia prigione


che non sia l’aria di quel cortile


voglio soltanto che sia prigione.


È cominciata un’ora prima


e un’ora dopo era già finita


ho visto gente venire sola


e poi insieme verso l’uscita


non mi aspettavo un vostro errore


uomini e donne di tribunale


se fossi stato al vostro posto…


ma al vostro posto non ci so stare


se fossi stato al vostro posto…


ma al vostro posto non ci sono stare.


Fuori dell’aula sulla strada


ma in mezzo al fuori anche fuori di là


ho chiesto al meglio della mia faccia


una polemica di dignità


tante le grinte, le ghigne, i musi,


vagli a spiegare che è primavera


e poi lo sanno ma preferiscono


vederla togliere a chi va in galera


e poi lo scanno ma preferiscono


vederla togliere a chi va in galera.


Tante le grinte, le ghigne, i musi,


poche le facce, tra loro lei,


si sta chiedendo tutto in un giorno


si suggerisce, ci giurerei


quel che dirà di me alla gente


quel che dirà ve lo dico io


da un po’ di tempo era un po’ cambiato


ma non nel dirmi amore mio


da un po’ di tempo era un po’ cambiato


ma non nel dirmi amore mio.


Certo bisogna farne di strada


da una ginnastica d’obbedienza


fino ad un gesto molto più umano


che ti dia il senso della violenza


però bisogna farne altrettanta


per diventare così coglioni


da non riuscire più a capire


che non ci sono poteri buoni


da non riuscire più a capire


che non ci sono poteri buoni.


E adesso imparo un sacco di cose


in mezzo agli altri vestiti uguali


tranne qual’è il crimine giusto


per non passare da criminali.


C’hanno insegnato la meraviglia


verso la gente che ruba il pane


ora sappiamo che è un delitto


il non rubare quando si ha fame


ora sappiamo che è un delitto


il non rubare quando si ha fame.


Di respirare la stessa aria


dei secondini non ci va


e abbiamo deciso di imprigionarli


durante l’ora di libertà


venite adesso alla prigione


state a sentire sulla porta


la nostra ultima canzone


che vi ripete un’altra volta


per quanto voi vi crediate assolti


siete per sempre coinvolti.


Per quanto voi vi crediate assolti


siete per sempre coinvolti.

 


Consigli per gli acquisti

Posted: dicembre 23rd, 2008 | Author: | Filed under: Life, Lyrics, Physics, Video | 1 Comment »

Gli ultimi giorni, nel tempo lasciatomi libero nella lotta al false sharing, ho guardato tutte le puntate del serial televisivo "the big bang theory"… non ho mai riso così tanto, scaricatevelo… vi dico solo che i protagonisti sono dei fisici del Caltech che hanno una vicina molto foca… l’ultima puntata ha dell’incredibile… anche la sigla è una ficata, guardatevela sul tubo (quella della serie è diversa, ma questo ha il testo)…


Gnome blog (parte terza)

Posted: marzo 21st, 2008 | Author: | Filed under: Lyrics | Commenti disabilitati su Gnome blog (parte terza)

Confermo che adesso funziona (sempre se dio non ci si mette di mezzo) e che adesso dovrebbe fare l’upload delle immagini. Se a qualcuno interessa metto a disposizione la patch così da infognati ve lo usate mentre bazzicate fra siti porno…

Ci ho messo mezza giornata a capire che la versione sul sito non è la più recente e che perciò non funzionava proprio con lifetype (che tralaltro [tuttoattaccato] ho installato in locale per testare il tutto); la versione su debian/lenny invece va alla grande e quindi

P.S: ci sarebbe da migliorare l’interfaccia, magari inserendo la possibilità di scegliere come allinerare il testo, il font e magari l’indice delle categorie… fatevi avanti gloriosi hacker….


12 Dicembre

Posted: dicembre 12th, 2007 | Author: | Filed under: Lyrics | 1 Comment »
Il pomeriggio del 12 Dicembre
in piazza del Duomo ce l’avete illuminato
ma in via del Corso non ci sono le luci
per l’Autunno caldo il comune le ha levate
In piazza Fontana il traffico è animato
c’è il mercatino degli agricoltori
sull’autobus a Milano in poche ore
la testa nel bavero del cappotto alzato
Bisogna fare tutto molto in fretta
perché la banca chiude gli sportelli
oh come tutto vola così in fretta
risparmi e gente tutto così in fretta
No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa e rossa di violenza
bisogna piangere i sogni per capire
che l’unica giustizia borghese si è spenta
scende dicembre sopra la sera
sopra la gente che parla di Natale
se questa vita avrà un futuro
metterò casa potrà anche andare
Dice la gente che in piazza Fontana
forse è scoppiata una caldaia
là nella piazza 16 morti
li benediva un cardinale
No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa e rossa di violenza
bisogna piangere i sogni per capire
che l’unica giustizia borghese si è spenta
Notti di sangue e di terrore
scendono a valle sul mio paese
chi pagherà le vittime innocenti?
chi darà vita a Pinelli il ferroviere?
Ieri ho sognato il mio padrone
a una riunione confidenziale
si son levati tutti il cappello
prima di fare questo macello
No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa e rossa di violenza
bisogna piangere i sogni per capire
che l’unica giustizia borghese si è spenta
Sulla montagna dei martiri nostri
tanto giurando su Gramsci e Matteotti
sull’operaio caduto in cantiere
su tutti i compagni in carcere sepolti
Come un vecchio discende il fascismo
succhia la vita ad ogni gioventù
ma non sentite il grido sulla barricata
la classe operaia continua la sua lotta!
No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa e rossa di violenza
bisogna piangere i sogni per capire
che l’unica giustizia borghese si è spenta
No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa e rossa di violenza
bisogna piangere i sogni per capire
che l’unica giustizia borghese si è spenta
Banda Bassotti – Luna Rossa